Buzz Aldrin’s Space Program Manager – Road to the Moon – Recensione

Buzz Aldrin, Neil Armstrong e Michael Collins il 20 luglio 1969 riuscirono a terminare la missione di sbarco sulla Luna, grazie al razzo Apollo 11 creato dal team della NASA. Questo percorso, intrapreso dagli Stati Uniti d’America allora guidati dal presidente John F. Kennedy, avviò l’umanità verso il mondo delle nuove scoperte spaziali.
Dall’altra parte l’Unione Sovietica provava, come la NASA, a raggiungere lo stesso traguardo.

Questa introduzione ci porta al gioco Buzz Aldrin’s Space Program Manager (SPM) – Road to the Moon, in cui saremo noi ad intraprendere il viaggio verso la Luna.
Buzz Aldrin ha collaborato con il team della Polar Motion nel processo di sviluppo, assicurando al titolo precisione e autenticità che solo chi ha vissuto quel momento può garantire.
Ricordiamo comunque che Buzz Aldrin ha prestato il nome ad un altro videogioco dello stesso genere: parliamo di Buzz Aldrin’s Race Into Space del 1994.

SpaceProgramManager_screen9

La Slitherine e la Polar Motion ci portano ad assumere il controllo delle agenzie spaziali più famose, la NASA oppure l’Agenzia Spaziale dell’Unione Sovietica, oltre ad avere la possibilità di utilizzare un’agenzia fittizia denominata GSA. Una volta scelta la fazione che vogliamo gestire, possiamo partire alla conquista dello spazio. Buzz Aldrin’s Space Program Manager si basa sul genere manageriale strategico a turni, e si focalizza attentamente sull’avvenimento storico dello sbarco sulla Luna. Ma non solo, grazie alle ricerche in ambito spaziale che effettueremo durante il gioco, potremo arrivare ad esempio a sbarcare su Marte, Saturno oppure Giove.

Avviato il gioco potremo scegliere due modalità, scenario o sandbox. Buzz Aldrin’s Space Program Manager, nella modalità scenario, ha una vastissima quantità di informazioni storiche dove ripercorreremo realmente e fedelmente tutte le vicende che hanno dato vita allo sbarco sulla Luna. Mentre nella modalità sandbox potremo sbizzarrirci liberamente alla conquista dei cieli.

SpaceProgramManager_screen12

Scelta la modalità, il gioco ci porterà nella location desiderata per iniziare subito le ricerche sui razzi e satelliti da inviare nello spazio. A questo punto avremo una visione in “mappa” della nostra agenzia spaziale.
Nella parte inferiore dello schermo avremo tutte le informazioni tra cui ingegneri, astronauti e altre risorse.

Notiamo subito che abbiamo a disposizione dei ricercatori e un budget con i quali è possibile iniziare lo studio di un progetto, oppure utilizzarli per espandere la nostra agenzia con nuovi edifici. Se procederemo verso l’espansione potremo anche assumere altri dipendenti, come per esempio degli astronauti.
Tutti i nostri dipendenti potranno accedere ad un percorso di training specializzato, in modo tale da avere la possibilità di aumentare le competenze e portare a termine i progetti con maggior velocità.
Successivamente, dopo aver completato lo studio delle tecnologie necessarie, potremo procedere verso il lancio dei primi razzi o dei satelliti così da raggiungere l’obiettivo, la conquista dello spazio.

SpaceProgramManager_screen1

Buzz Aldrin’s Space Program Manager presenta un gameplay semplice e intuitivo, dove gestire le diversi fasi di un lancio lunare non risulterà poi così complicato. A rendere forse più complicato il tutto è la presenza della sola lingua inglese.

In questo titolo è presente anche il multiplayer in cui potremo sfidare un amico con il servizio play by email di Slitherine. In questa modalità i partecipanti dovranno gareggiare nella conquista dello spazio, in una sfida a turni al controllo della propria agenzia spaziale.

Gli appassionati dei giochi manageriali oppure di astronomia non potranno perdersi questo titolo, nel quale potranno rivivere i momenti dello sbarco sulla Luna.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*