Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Bravo Team – Recensione

Bravo Team – Recensione

La libertà di movimento utilizzando il PlayStation VR in questo gioco azione

Parliamo di VR, il simulatore di realtà virtuale di Sony per PlayStation 4, con il nuovo sparatutto cooperativo FPS sviluppato da Supermassive Games, che dopo aver già pubblicato Until Dawn: Rush of Blood e The Inpatient torna alla ribalta con un nuovo titolo: Bravo Team.
Il gioco si presenta come un’evoluzione dei famosi On-Rail Shooter, ad esempio indimenticabili classici come Time Crisis e House of The Dead (nel 2009 il Game Director di Bravo Team lavorò proprio in questa saga), giocabili sia in sala giochi che su Playstation con la mitica pistola G-Con marchiata Namco.
A differenza dei giochi appena elencati, in Bravo Team i ripari sono già prestabiliti, ma decide il giocatore con lo sguardo usando il VR oppure mirando con il Playstation Aim dove ripararsi. All’inizio del gioco potremo decidere liberamente quale fra queste due modalità usare per ripararci.
Simon Harris, executive producer di Supermassive Games ha dichiarato: “Per questo gioco ci siamo ispirati ai film di guerra, potete immaginarvi che sarà un titolo pieno di combattimenti adrenalinici, test per i vostri riflessi e comunicazioni costanti. Dovrete essere inoltre molto fisici: riparatevi dietro gli angoli e accucciatevi per trovare copertura!”. Si tratta di parole che spingono l’asticella delle aspettative molto in alto.

Bravo team

Il Gameplay

Bravo Team lascia perdere le ambientazioni horror a cui i suoi predecessori ci avevano abituato, per ambientarsi nel mondo militaresco. Impersoneremo un soldato che dovrebbe dapprima fare solo da scorta alla Presidentessa Toma, ma purtroppo, per colpa di un attacco terroristico in cui viene catturata, il nostro soldato si ritrova solo con il suo compagno a dover eseguire una missione quasi suicida di recupero, guidato da una voce nel suo auricolare collegata via radio.
L’ambientazione certo non fa da padrona, visto che gli scenari di questa città dell’Est Europa non spiccano di particolare bellezza e non riportano luoghi che potrebbero ricondurla a città esistenti, quali edifici o piazze famosi da poter comparare alla realtà, ma tutto si dimentica alla svelta quando finalmente si imbraccia lui: il Playstation Aim, l’unico vero protagonista di questo capitolo (anche se, nel caso in cui ne foste sprovvisti, potreste comunque usare o i Move o il joypad stesso, anche se ve lo sconsiglio), che impreziosisce tutto il gioco conferendogli un’esperienza unica.
Stupisce in positivo il puntatore di mira: avvicinando il fucile alla spalla e imbracciandolo come nella realtà, il giocatore può vedere il suo red hot “in carne ed ossa” spuntare sullo schermo del VR, permettendo una mira unica nel suo genere e rendendo tutto molto realistico.

Bravo team
In Bravo Team i comandi sono i soliti (tasto X per spostarsi nei ripari già preimpostati, ma dando comunque la possibilità all’utente di dirigercisi quando il campo risulta sgombro, QUADRATO per ricaricare, TRIANGOLO per cambiare arma, CERCHIO per tornare al riparo precedente, gli ANALOGICI per spostarsi con la visuale ed L2 per sporgersi dal riparo). Sono un po’ legnosi, ma dopo diversi minuti di gioco si intuiscono facilmente e diventa tutto abbastanza naturale, compreso l’impartire ordini al tuo compagno, utile per il proseguimento del gioco.
Nel proseguo, se non si ha la complicità di qualcuno online il gioco può risultare un po’ monotono, vista anche la poca diversità dei nemici e la completa assenza di boss di fine livello o nemici più forti con abilità e armi più difficili da battere, a cui titoli come Farpoint, gioco dalle modalità molto simili (ma a mio parere meno bello di Bravo Team), ci avevano da sempre abituato.

L’ambiente che circonda Bravo Team

La grafica lascia “un po’ così”, con l’amaro in bocca, se ci soffermiamo a guardare meglio strade, edifici e personaggi che non sono proprio definiti come ci si può aspettare da un titolo di questo calibro, fatta eccezione per la modalità di gestione del mirino ottico, quando si deve impersonare un cecchino. È infatti qui che Bravo Team tira fuori tutto il suo carattere facendoci dimenticare tutto il resto, lasciandoli lì a tentare di fare decine di headshot che non ci si annoia mai a fare! L’audio invece è veramente ottimo, dalla semplice voce nell’auricolare ai milioni di proiettili che ti piovono addosso, (e quando dico milioni, credetemi: anche provandolo alla difficoltà più semplice delle tre, i proiettili mi hanno dato molto filo da torcere), fino al rumore degli elicotteri che ti girano sopra la testa che sono veramente realistici.

Bravo team

Sicuramente si tratta di un gioco con grandi potenzialità.
Da rivedere magari alcune lacune grafiche, e bisognerebbe cercare di ammorbidire i movimenti del protagonista, troppo meccanici.
Tutto sommato è molto divertente e, con i suoi pregi e difetti, è comunque un gioco che spinge a superarsi ogni volta, facendoci tralasciare la storia che passa in secondo piano. Complici anche i movimenti che bisogna fare per sporgersi dal tuo riparo sicuro per difenderti dalle decine di nemici che verranno, il coinvolgimento arriva a tal punto che ci immedesimeremo davvero nel ruolo del soldato.

Il gioco presenta tre livelli di difficoltà: principiante, soldato e veterano.
Io ho provato la prima, finendola in un paio d’ore scarse, ma sono sicuro che proverò a completare anche le altre difficoltà per cercare di migliorare sempre più.
Bella anche la modalità a punti, sbloccabile dopo aver completato la campagna, nella quale l’obiettivo è di accumulare punti facendo uccisioni in serie.

La conclusione

Se come me siete amanti di armi e contesti militareschi, Bravo Team è sicuramente un titolo da non farsi scappare per vedere soprattutto il colpo di scena finale che ribalterà il vostro punto di vista iniziale. Il gioco è venduto sia singolarmente che in bundle con Playstation Aim.

La recensione di Bravo Team si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Gestione fantastica del mirino ottico
  • Audio ben fatto
  • VR immersivo
Negativo
  • Trama poco coinvolgente
  • Mancanza di boss finali e diversificazione dei nemici
  • Grafica da migliorare
7.3
Buono
Grafica - 7
Giocabilità - 8
Longevità - 7

Dite la vostra!

1 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>