Blackbay Asylum Blackbay Asylum Recensione

In Blackbay Asylum ci troveremo a vestire i panni di Doug, uno stravagante colosso schizofrenico internato nel centro correzionale di Blackbay.

All’avvio del gioco ci troveremo nella nostra cella con la porta aperta e scopriremo molto presto di essere gli unici sopravvissuti, o quasi, a un massacro collettivo. Da qui dovremo aiutare il nostro stravagante alter ego, con una visuale dall’alto per la maggior parte della storia, ad evadere da Blackbay sano e salvo, risolvendo i vari enigmi presenti nei capitoli che compongono l’avventura, immersi in un ambiente tetro e surreale.

BlackbayAsylum-Gamepare

In ogni capitolo non saremo mai liberi di salvare a piacimento, ma avremo un sistema di checkpoint automatici. Una volta concluso ciascun capitolo, è possibile rigiocarlo dall’inizio, ma non partendo dai checkpoint.

La base del gameplay sono gli enigmi, per esplorare infatti i vari ambienti sarà necessario risolvere puzzle, decifrare frasi criptiche, recuperare codici e raccogliere oggetti sparsi per Blackbay.

BlackbayAsylum-Gamepare

A condire il tutto è lo humor nero che si sviluppa durante l’intera storia: le reazioni del nostro stravagante protagonista alla brutale violenza che si troverà davanti riusciranno sempre a farci sorridere, non tenendo conto del massacro che ci circonda.

Blackbay Asylum è un gioco interessante che di certo saprà intrattenere gli amanti degli enigmi e delle storie dell’orrore borderline e umoristiche.

 

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*