Battle Princess Madelyn – Recensione

Battle-Princess-Madelyn

Oggi vi voglio parlare di Battle Princess Madelyn, titolo del dicembre 2018 nel quale riponevo buone aspettative. Vediamo se sono state rispettate.

Iniziamo, come si suol dire, da dove tutto ha avuto inizio: era l’inverno del 2016 quando Christopher Obritsch, il creatore di questo progetto, stava giocando a Ghost and Goblins quando la figlia Madelyn (che coincidenza!), rimasta affascinata dal primo boss, ha chiesto al padre di rigiocare più volte il primo livello. Chris, per fare un regalo alla figlia ha deciso di realizzare un titolo simile ma con protagonista una principessa.

Ed ecco che 2 anni dopo nasce questo titolo, ovviamente in 16 bit, e devo dire che se fosse uscito una ventina di anni fa sarebbe potuto passare tranquillamente come un nuovo capitolo della saga.

Graficamente molto solido e fedele a quelli che ormai sono classici e con una colonna sonora piacevole, Battle Princess Madelyn ha rispettato in toto le mie aspettative, almeno per quanto riguarda il primo impatto.

Caratteristiche Principali

Il gameplay, inutile dirlo, ricalca con estrema precisione il feeling e le caratteristiche di Ghost and Goblins. Tutte le classiche meccaniche sono presenti dal cambio delle armi al perdere l’armatura quando si è vicini alla morte. Purtroppo anche i suoi difetti sono rimasti tali, come ad esempio il salto che non sempre è preciso e necessita un po’ di tempo prima di abituarsi. Non ci solo vecchie meccaniche però: la presenza di NPC che ci affideranno quest secondarie da portare a termine e la possibilità, almeno nella modalità storia, di esplorare liberamente il mondo di gioco riescono ad aggiungere un tocco di metroidvania alla ricetta.

Il level design è molto vario, con quasi tutte le aree immaginabili per un titolo simile, alcune più dettagliate di altre ma sempre ricche di segreti e di oggetti da recuperare e, grazie ad un sistema di teletrasporti, sarà possibile raggiungere i punti principali in maniera rapida.

La longevità è davvero sorprendente per un titolo di questo genere: parliamo di almeno una decina d’ore per la sola modalità storia ed almeno altrettante per portar a termine le 3 diverse modalità arcade.

I personaggi principali godono tutti di un design unico e riconoscibile, i nemici godono di una discreta varietà. Anche i boss sono tutti visivamente interessanti e dettagliati, ma hanno il grosso difetto di avere dei moveset troppo scarni, diventando quasi delle gimmick.

La difficoltà è il vero fiore all’occhiello di questo titolo. Difficile sì, senza dubbio, ma lo era anche G&G, con la differenza che in Battle Princess Madelyn sarà possibile aumentare sia l’attacco che la difesa grazie alla presenza di un fabbro. Questo, anche se non sembra inizialmente, e ci renderà delle principesse davvero temibili e l’unica vera sfida rimarrà il platforming, tutt’altro che generoso ma assolutamente gestibile. Insomma sono riusciti a conciliare la difficoltà dei giochi arcade anni ‘80 con le esigenze del gaming moderno.

Conclusione

Insomma, questo Battle Princess Madelyn è un titolo divertente, curato e un’ottima sfida sia per giocatori arcade nostalgici che per giovani alla ricerca di qualcosa di nuovo. Un ottimo prodotto, soprattutto considerando che nasce con un obiettivo molto meno ambizioso e rappresentava semplicemente il regalo di un padre per la figlia.

Battle Princess Madelyn
7.5 / 10 Recensione
Gameplay7.5
Grafica7
Longevità8
Pro
  • L’ideale per gli amanti di Ghost and Goblins
  • Difficoltà pressoché perfetta
Contro
  • Il platforming può risultare frustrante
  • Moveset dei boss scarno e ripetitivo
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 23 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania, punta&clicca, ma in generale qualsiasi cosa che non preveda livelli e statistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*