Asus Cuffie TUF Gaming H3 – Recensione

Nel mondo dei videogiocatori, le cuffie svolgono un ruolo fondamentale, in quanto servono non solo per chattare via voce con le altre persone, ma anche per sentire musica, suoni e rumori ambientali nei videogiochi.

Le cuffie al giorno d’oggi devono avvolgere il giocatore e isolarlo dal mondo esterno, immergendolo sempre di più nel sonoro in-game.

In questo articolo ci focalizzeremo sulla recensione delle Asus TUF Gaming H3, rilasciate a fine 2019, dalle caratteristiche fondamentali per ogni piattaforma.
La compatibilità con PC, PlayStation, Xbox e Nintendo Switch, aiutano a dare il giusto momento di gioco ad ogni console.

Quando si scelgono le cuffie, oltre all’aspetto esteriore dobbiamo tenere in considerazione alcune caratteristiche. La prima caratteristica tecnica è l’impedenza, quello che ci permette di ascoltare la musica ad alto volume. Attualmente noi colleghiamo il jack al gamepad o direttamente al PC, questi apparati non hanno una gestione diretta e non sono amplificatori, quindi le cuffie devono fare il resto. Minore è l’impedenza migliore è la resa ad alto volume (una cuffia deve avere un valore tra i 16 e 32 Ohm).

Indice:

Non dobbiamo scordare le quasi tutte le cuffie da gioco rispettano caratteristiche ben prestabilite, quindi è molto difficile trovare cuffie superiori ai 32 Ohm, quello che sicuramente cambia in base al costo e la qualità, sono i materiali utilizzati per la progettazione.

Asus Cuffie TUF Gaming H3

Le cuffie e le sue caratteristiche

Le Asus TUF Gaming H3 sono le sorelle minori delle H5 e H7, ma non sono molto distanti da caratteristiche e qualità, forse quasi simili tra loro. Il design è molto curato, l’estetica è elegante da non farle sembrare cuffie a basso costo, anche se la maggior parte dei materiali sono in plastica (eccetto l’archetto vicino agli altoparlanti che è in metallo). Il padiglioni sono in plastica spazzolata dove al centro troveremo inciso il logo TUF.

Il colore predominante è il nero, ma il contorno del padiglione può essere scelto in altre varianti tra cui il nero, blu, rosso e argento.

 

Al contrario di altre cuffie in commercio, la rotella del volume e il muto del microfono li troviamo posti sul padiglione sinistro nel retro, forse un po’ scomodo, ma veloce ed intuitivo. Sempre su questo lato troviamo il microfono unidirezionale, che non è possibile staccare, ma possiamo direzionarlo dove vogliamo grazie alla maglia in metallo interna.Asus Cuffie TUF Gaming H3 foto 2

Proseguendo, i padiglioni all’interno sono spugna ricoperti in eco pelle Giocando ore e ore un pochino scaldano, e se giocate d’estate potrebbe essere un problema. L’isolamento dai suoni esterni è abbastanza buono anche se non perfetto.
Abbiamo poi un arco che si poggia sulla testa molto morbido, regalando una sensazione di leggerezza quando si indossano.

Guardando i dettagli ci balza subito all’occhio il supporto audio 7.1. Questa funzione è in grado di dare precisione al suono degli ambienti tridimensionali in modo da essere più competitivi nel gaming.

 

Specifiche di Asus TUF Gaming H3

Guardiamo ora le caratteristiche pubblicate sul sito ufficiale di Asus:

Connettore 3.5 mm(1/8”) connector Audio/mic combo
Piattaforme supportate PC, MAC, Mobile device, PlayStation, Xbox, Nintendo Switch
Driver Diametro 50 mm
Impedenza 32 Ohm
Frequenza di Risposta (Cuffie) 20 ~ 20000 Hz
Frequenza di Risposta (Microfono) 50 ~ 10000 Hz
Sensibilità (Microfono) -40 dB
Cavo 1,3m con cavo split jack microfono e jack audio
Peso 294 g
ASUS-TUF-Gaming-H3 Colori

Il test audio con i videogiochi

Nello stress test che abbiamo effettuato con più ore di gioco su diverse piattaforme, registriamo buoni risultati. Il suono 3D, promette abbastanza bene e dà al giocatore la percezione di dove arriva per esempio un colpo di pistola, ed i suoni sono riprodotti fedelmente, i bassi sono abbastanza forti anche se a volte possono risultare fastidiosi in alcune circostanze.

Nei giochi competitivi stile Fortnite, l’audio è parte essenziale per sapere da dove arriva il giocatore e le cuffie Asus TUF Gaming H3 fanno fedelmente il loro lavoro. L’audio 7.1 darà soddisfazioni ai giocatori più estremi.

Però non è oro tutto ciò che luccica, il prolungato uso a volte può creare molto calore nella zona dei padiglioni arrecando fastidio al giocatore sopratutto in giornate molto calde. Questo purtroppo è un difetto non da poco. Forse sarebbero state ottime se invece della eco pelle ci fosse stato il tessuto.

Abbiamo provato inoltre il microfono unidirezionale, che aiuta ad isolare il giocatore dal resto dei suoni. Dobbiamo dire che l’audio catturato del microfono è chiaro e preciso. I rumori di fondo non vengono percepiti dagli altri giocatori, sentendo solo la voce primaria che sta parlando al microfono.

ASUS-TUF-Gaming-H3 Bassi

Dovrei acquistarlo?

Ci sono tanti marchi di cuffie, ma le Asus TUF Gaming H sono la variante economica al mondo delle cuffie da gioco. La versione H3 è una cuffia economica di media fascia, dove si possono apprezzare a pieno la qualità del sonoro se pur non eccelsa darà soddisfazioni a tutti i giocatori che cercano una qualità superiore a differenza di semplici auricolari.

Grazie al prezzo accessibile si potrà avere una cuffia per poter giocare per esempio di notte, senza sacrificare gli effetti audio presenti nel videogioco. Il materiale come il design è di ottima qualità, il microfono dotato di cancellazione del rumore darà soddisfazioni ai giocatori in multiplayer.

L’utilizzo su Xbox One e PlayStation 4  collegandolo al controller è perfetto e di ottima compatibilità. Su Nintendo Switch in modalità portatile sarà ottima, ma in modalità schermo il cavo dovrà essere prolungato in quanto è troppo corto per utilizzarlo collegata alla console.

Asus Cuffie TUF Gaming H3
8 / 10 Recensione
Voto8
Pro
  • Ottima qualità sonoro
  • Cuffia comoda
  • Design accattivante
  • Contro
  • I padiglioni si scaldano
  • Microfono non removibile
  • Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2563 Articoli
    All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *