Gamepare > Home > News > Prime impressioni dell’evento in anteprima di ARMS

Prime impressioni dell’evento in anteprima di ARMS

ARMS, la nuova IP di Nintendo che, seguendo le orme di Splatoon, si ripromette di essere un nuovo successo per la casa nipponica.

Abbiamo avuto modo di provare il gioco con mano e ascoltare quali siano i progetti per il prossimo futuro, ad accogliere la conferenza è stato un vero e proprio ring da pugilato!
Nonostante la prima impressione sia stata d’impatto, le dichiarazioni durante l’evento non hanno dato molte notizie che già non siano note, si è parlato dei personaggi e del fatto che avranno peculiarità a differenziarli, della possibilità di scegliere guantoni differenti e delle differenze tipologie di peso e danni basati sugli elementi. Il tutto molto a grandi linee senza entrare nel dettaglio.

Maggiore enfasi è stata invece messa su quello che Nintendo pianifica di raggiungere con questo titolo, ovvero un connubio tra accessibilità anche al grande pubblico e qualcosa che appassionati duri e puri possano portare ad un alto livello sviscerandone tutti gli aspetti e le minuzie.
Conoscendo l’abilità di Nintendo nel fare giochi che rispettano questa filosofia sono abbastanza sicuro che anche in questo caso l’obbiettivo verrà raggiunto, soprattutto aiutato dalle ottime vendite di Nintendo Switch.Evento ARMS

Seguendo le orme di Splatoon, il gioco punta non solo ad avere costanti aggiornamenti gratuiti, dei quali ancora si sa poco, ma anche un ottimo comparto di gioco in multiplayer.
Il titolo beneficerà infatti di lobby dalla capienza sorprendente, un totale di 10 console possono essere presenti in una singola stanza e per ogni console il gioco supporta fino a due giocatori contemporaneamente, toccando un totale di 20 giocatori massimi. Un numero di tutto rispetto per un titolo di questo tipo e sopratutto molto interessante la possibilità di condividere il tutto con un amico.

Parlando con Francesco Calcagni, Brand manager di Nintendo, ci è poi stato riferito che sono in programma eventi ufficiali per supportare la natura competitiva del gioco, ma soprattutto che verrà ripreso il servizio “Streetpass meeting”, che permetterà agli utenti di creare i propri eventi offline e ricevere il supporto da Nintendo stessa. Un’iniziativa di cui ancora non si conoscono bene i dettagli, ma che promette di essere un’ottima rampa di lancio per il futuro non solo del titolo ma anche della sua comunity.

JOYCON ALLA MANO

Passando invece alla prova del gioco, ho avuto impressioni contrastanti. Purtroppo non era possibile utilizzare i controlli tradizionali, i motion control sono risultati in un primo momento piuttosto strani e non sembrano brillare in intuitività anche per qualcuno magari meno abituato a gamepad e simili.
Dopo i primi attimi di smarrimento si riesce però abbastanza rapidamente a capire dove si sta sbagliando e il tutto risulta sorprendentemente preciso, qualcosa che coi vecchi wii remote era impensabile. I Joycon mostrano infatti i muscoli grazie a questo gioco, la risposta è non solo precisa ma anche veloce e sorprende sempre notare la distanza dalla console che riescono a mantenere.

Evento ARMS 4

Nonostante tutto ho comunque sentito la mancanza di poter controllare i personaggi con analogico e pulsanti, principalmente per la difficoltà di dover pensare costantemente a come muovermi per avere il risultato che desidero, per poi finire comunque in parecchi errori…

ARMS appare però promettente nelle sue meccaniche, sicuramente semplice e accessibile ha però la possibilità di offrire una buona sfida competitiva a chi vorrà approfondirlo, certo non ha la complessità tecnica tipica dei picchiaduro, niente mezzelune e combinazioni di tasti da eseguire velocemente, ma nella sua semplicità riesce a valorizzare quella che alla fine è l’ossatura di qualsiasi picchiaduro, ovvero il gioco mentale.

In questo modo qualsiasi neofita può in poco tempo immergersi nel gioco e capire gli aspetti che stanno negli strati più profondi del genere in questione, senza però dover prima affrontare la barriera tecnica che si deve essere disposti ad affrontare per cominciare a capire a fondo titoli più complicati.
In tutto questo la filosofia del gioco ricorda molto Divekick e trovo che sia un’ottima mossa quella di sviluppare un gioco tripla A in questi termini.

Vi invito a tenere d’occhio ARMS, le premesse sono molto buone e nonostante qualche dubbio sia rimasto il gioco potrebbe anche stupirvi e, nonostante la sua natura bizzarra, riuscire a ricavarsi una nicchia fra i picchiaduro competitivi.

Se siete interessati a farvi una vostra personale idea a riguardo non perdetevi il prossimo e ultimo AMRS Global Test Punch nei giorni 3/6/17 e 4/6/17!

ARMS Global Testpunch

Scritto da
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>