Annunciato il nuovo Assassin’s Creed Chronicles

Assassin’s Creed Chronicles Gamepare

Ubisoft annuncia la trilogia di Assassin’s Creed Chronicles, che condurrà i giocatori in Cina, India e Russia, immergendoli nei racconti di tre celebri Assassini. Il primo titolo, ambientato in Cina, sarà disponibile in versione digitale dal 22 aprile nei territori EMEA, per PlayStation 4, Xbox One e Windows PC. Assassin’s Creed Chronicles: China sarà seguito da Assassin’s Creed Chronicles: India e Assassin’s Creed Chronicles: Russia, che saranno lanciati separatamente.

Sviluppato da Climax Studios in collaborazione con lo studio Ubisoft di Montreal, Assassin’s Creed Chronicles consente di provare il brivido d’impersonare un Maestro Assassino in una serie di nuove ambientazioni in 2,5D. I giocatori si avventureranno in tre diversi scenari e periodi storici: l’inizio della caduta della dinastia Ming, l’impero Sikh prima della guerra in India e le conseguenze della Rivoluzione d’ottobre. Pur essendo indipendenti e dotati di ambientazioni, stile grafico, storie e Assassini unici, i tre titoli saranno collegati tra loro a livello narrativo.

I giocatori vestiranno i panni di alcuni Assassini leggendari, tra cui Shao Jun, già apparsa nel cortometraggio animato Assassin’s Creed Embers, oltre ad Arbaaz Mir e Nikolaï Orelov, dalla serie a fumetti di Assassin’s Creed. Elimina i tuoi avversari nell’ombra, padroneggia l’arte del parkour ed esegui il salto della fede, in una raccolta di titoli con una splendida grafica dipinta a mano. Ogni racconto vanta un proprio stile artistico, dalle spettacolari tecniche di pittura della Cina ai vivaci colori dell’India, fino all’inconfondibile stile propagandistico della Russia.

Per maggiori informazioni su Assassin’s Creed Chronicles, visitare assassinscreed.com.

[youtube id=”JapuE16BPrY”]

Informazioni su Andrea R. 1984 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*