Alchemy Emporium – Recensione

Alchemy Emporium - Recensione

Alchemy Emporium arriva da territorio nostrano, opera di Curtel Games e XTeam Software Solutions. Si tratta di uno strategico gestionale in cui andremo ad occuparci di tutte le faccende legate ad un negozio di pozioni, dall’acquisto degli ingredienti, alla mescita, fino alla vendita e manutenzione del negozio.

Personalmente avevo buone aspettative e trovo che l’idea sia originale e abbia molto potenziale; purtroppo ben presto mi son trovato faccia a faccia con numerosi problemi.

Gameplay

Alchemy Emporium inizia introducendoci al nostro personaggio, una ragazza apprendista alchimista di cui potremo scegliere il nome.
A seguito della scomparsa del maestro e alle voci che la incolpavano di essere la colpevole dell’accaduto, decide di andarsene a vivere lontano, aprire un nuovo negozio e farsi una nuova vita.
Da qui dovremo fare alcune scelte riguardanti l’ordine alchemico, la città in cui lavorare e il nostro partner commerciale. Tutte questioni che in un primo momento sembrano intriganti e piene di potenzialità, ma si rivelano essere solamente un travestimento per statistiche che andranno a influenzare la partita. Peccato, ma fin qui poco male.
Andremo poi a collocare dei punti caratteristica in statistiche di vario tipo, che tuttavia trovo siano spiegate in modo non particolarmente utile, e saremo quindi pronti a partire.

Cominciamo quindi ad occuparci del negozio. Fortunatamente abbiamo a disposizione dei tutorial, ma il gioco fa ben poco per portarli alla nostra attenzione e purtroppo risultano abbastanza carenti in informazioni, visto che si limitano a spiegarci come proseguire nei lavori da fare senza però nessun consiglio un minimo più approfondito.
Non sarebbe un problema in sé e per sé, è anche bello scoprire personalmente gli aspetti più particolari e sfaccettati di questo genere di giochi. Tuttavia, alcune meccaniche di gioco piuttosto importanti ed essenziali da conoscere non vengono menzionate, primo fra tutti il rischio di ritrovarsi in una settimana nella quale abbiamo programmato fin troppo lavoro.

È infatti questo il primo passo da compiere: all’inizio di ogni settimana bisogna decidere quando eseguire determinati compiti. Anche qui la sensazione iniziale è ben diversa dal risultato finale. Se infatti in principio sembra interessante dover scegliere strategicamente come strutturare la settimana, la cosa diventa velocemente molto piatta e priva di tattica, all’infuori del doversi concentrare su qualche evento settimanale che incentiva o scoraggia una certa attività. Un tentativo anche simpatico di dare profondità alla cosa che tuttavia non riesce nell’intento.

Le varie cose da fare in Alchemy Emporium una volta iniziata la settimana sono: acquistare ingredienti, mescita delle pozioni, assaggio, imbottigliamento, gestione del negozio, pulizia del negozio, vendita e apprendimento.

La parte che riguarda la creazione di pozioni ci porta, come potrete immaginare, dall’acquisto fino all’imbottigliamento. Produrre pozioni è interessante all’inizio, ma anche in questo caso diventa velocemente piuttosto blando e noioso, questo a causa dei troppi ingredienti che avremo a disposizione e della UI che rende tutto il processo estremamente tedioso e scomodo.

La quantità elevata di ingredienti spinge il giocatore ad abbandonare rapidamente l’idea di trovare una logica dietro a quello che sta facendo e lo porta invece a mescolare roba assieme più o meno casualmente attendendo un risultato, un metodo che funziona ma che non è sicuramente divertente o strategico.

Per capire cosa fanno le pozioni che abbiamo assemblato è quindi necessario assaggiarle; non il metodo che mi aspetterei da un alchimista, ma possiamo accettarlo visto che il nostro personaggio è tutt’altro che un’esperta. Non vi nascondo però che la cosa mi abbia fatto storcere un po’ il naso.
Ogni pozione ha due effetti e ogni effetto richiede due assaggi corretti per poter essere compreso a pieno. Questo però non significa che non possiate vendere la pozione prima. Anzi, ogni pozione della quale abbiate eseguito anche solo un assaggio corretto può essere venduta, è possibile che il cliente ne resti insoddisfatto, ma questo ha ripercussioni talmente risibili che non si tratta poi di un gran problema. Questo è ulteriormente incentivato dal fatto che comprendere a pieno una pozione risulta veramente difficile e saremo quindi costretti a vendere tutto ciò che ci capita in modo piuttosto indiscriminato.

La gestione del negozio riguarda il posizionamento delle pozioni in modo da poter servire i clienti più rapidamente e far durare maggiormente la fase di vendita sfruttando il bancone il meglio possibile.
Un’altra idea che sulla carta ha del potenziale, ma una volta in gioco risulta noiosa e piuttosto casuale, visto che ricordarsi dei clienti e delle loro richieste non è particolarmente incentivato dall’interfaccia o dal tutorial.

Parlando quindi di clienti veniamo alla vendita. Anzitutto ogni cliente è solamente una figura senz’anima, ci è dato sapere solo quello che vuole e sebbene il gioco offra l’opzione di spiegare le pozioni e intrattenere la clientela, questo non da nessuna profondità immersiva, ma offre solamente variazioni meccaniche al gioco.
Sarebbe stato molto gradito uno sforzo per aiutare il giocatore a sentirsi veramente in un negozio ad aver a che fare con le richieste di persone di vario tipo in un mondo fantasy. Invece, sebbene i personaggi siano rappresentati diversamente e abbiano richieste diverse più o meno basate sul loro abbigliamento, non si ha davvero la sensazione di star servendo un cavaliere pronto a partire per una pericolosa missione o un malintenzionato che intende saccheggiare la casa del riccone di turno.
Tutto ciò che abbiamo è quindi un’etichetta che ci dice l’effetto richiesto dal cliente e noi dovremo semplicemente selezionare la pozione da vendergli.
Può capitare di dover abbassare il prezzo e questo potrebbe farvi pensare che ci siano meccaniche dedicate al contrattare, ma la cosa è talmente semplice e banale che faticherei a chiamarle tali.

Abbiamo quindi la fase di apprendimento, ovvero quella in cui dovremo semplicemente scegliere un libro e leggerlo per ottenere delle migliorie al nostro personaggio.
In questo caso mi sento di dare un giudizio positivo, come metodo per accrescere le capacità del giocatore e far salire di livello il personaggio è piuttosto originale e offre una certa profondità nel perseguire determinati punteggi di caratteristica.
Un vero peccato però che il resto dell’avanzamento che andremo ad eseguire durante la partita sia spiegato in modo pessimo e per certi versi al limite dell’incomprensibile.

Tutte queste operazioni possono essere svolte con l’aiuto di un assistente da assumere e che dovremo pagare settimanalmente.
Anche l’aiutante è vittima della sindrome del PnG senz’anima, sarà solamente un’icona da piazzare in giro per ottenerne i bonus.

Tutto questo va fatto più volte a ripetizione. Ho perso di vista piuttosto velocemente quale fosse l’obbiettivo del gioco, poiché gli incentivi a puntare a determinati risultati sono quasi inesistenti e tutto ciò che potrebbe farci sentire immersi in un mondo vivo e vibrante è ridotto all’osso in favore dell’interfacciarsi con mere meccaniche di gioco e freddi numeri.

Alchemy Emporium propone anche missioni secondarie, ma come tutto il resto sono completamente prive di profondità e richiedono solamente di scambiare una risorsa per un’altra, senza alcun contesto o spessore.
Alcune missioni chiedono di scambiare denaro per ulteriore denaro, un po’ a simulare un prestito e se avessimo a che fare con il personaggio che lo richiede potrebbe anche essere interessante, ma visto che così non è si tratta solo di scommessucole prive di significato, è infatti possibile perdere il denaro e non riceverne in cambio.
Viene presto da chiedersi se ci fosse davvero la necessità di questa meccanica.
Le uniche quest che possono redimersi sono quelle che ci richiedono una pozione specifica: se la gestione dei clienti funzionasse maggiormente in questo modo probabilmente il gioco ne gioverebbe.

A peggiorare il tutto abbiamo alcune criticità.
Esiste la possibilità che l’alchimista venga intossicata durante l’assaggio di una delle pozioni, e il giocatore non ha alcun modo di evitare, prevedere o prevenire questo avvenimento, soprattutto nelle prime fasi di gioco visto che l’assaggio va obbligatoriamente eseguito alla cieca e senza questo passaggio non avremo nulla da vendere.
Se dovessimo intossicarci, perderemo il resto della settimana lavorativa.

Come già accennato, c’è anche il rischio di programmare una settimana troppo piena e quindi doverla interrompere a causa dell’affaticamento dell’alchimista, dinamica che il tutorial non spiega affatto. Non è infatti menzionata la possibilità che ciò accada e ovviamente non sono menzionati i fattori che possono causare questo problema.

Il gioco non è inoltre esente da diversi bug in grado di rendere una partita prossima all’ingiocabilità.
Mi è capitato diverse volte di saltare fasi di vendita o di apprendimento a causa di bug che mi hanno impedito qualsiasi azione. Non si può dire che sia qualcosa di accettabile o che possa passare inosservata fino al lancio.
Un altro bug lo si incontra giocando in lingua inglese. Si trovano infatti diverse frasi non tradotte e che compaiono in lingua italiana.

Ultimo punto critico, la versione che ho potuto provare mancava completamente dell’aspetto riguardante gli affari loschi. Non posso quindi valutare quanto questa componente, che immagino sia piuttosto importante, abbia un impatto sulla longevità o piacevolezza del titolo. Apparentemente dovrebbe venir aggiunta al lancio, ma non sento di poter considerare questa mossa una buona idea.

Purtroppo Alchemy Emporium invecchia velocemente e offre davvero pochi stimoli al giocatore per continuare a tornare, tante idee sembrano buone in partenza ma mostrano la loro piattezza con estrema rapidità.

Grafica e Audio

La veste grafica di Alchemy Emporium è davvero piacevole e ben fatta, un aspetto che rende il gioco davvero accattivante e sembra invitare il giocatore in un mondo che ha tanto da dire. È un vero peccato che tutto questo potenziale non sia affatto supportato dal gameplay.

Il tutto presenta uno stile che riporta velocemente l’immaginazione ad un gioco da tavolo, i disegni sono eccellenti e i colori trasmettono perfettamente l’atmosfera che il gioco ricerca.

Unica pecca sono le animazioni dei personaggi, che sebbene siano ben poche tolgono valore piuttosto che aggiungerlo. I personaggi sembrano zombie, ad aggravare ulteriormente la loro mancanza di carattere, ogni movimento è non solo brutto da vedere, ma anche estremamente lento e in questo modo finisce per aggiungere tedio ad un gioco che non aveva affatto bisogno di venir rallentato.

Altro problema è, come già detto sopra, l’interfaccia.
Non perché non sia bella da vedere: è esteticamente fantastica come tutto il resto del gioco, ma purtroppo c’è stata più attenzione per l’aspetto piuttosto che per la sostanza.
Risulta veramente scomoda da navigare, con un sacco di informazioni potenzialmente utili poste nei luoghi più assurdi o completamente inaccessibili nel momento in cui servono.
In particolar modo è veramente terribile durante la fase di acquisto degli ingredienti e di mescita delle pozioni, momenti nei quali consultare rapidamente le pozioni che abbiamo già creato e gli ingredienti che già possediamo dovrebbe essere semplice e veloce, mentre invece risulta estremamente scomodo se non impossibile.
Questo è forse il peggior difetto di Alchemy Emporium e affossa qualsiasi volontà di impegnarsi che il giocatore possa avere.

Anche la parte sonora del titolo non sfigura e anzi potrebbe essere considerata un punto di forza, le musiche sono infatti molto azzeccate e piacevoli da ascoltare. Nulla che sentirete il bisogno di mettere alla radio mentre guidate, ma molto efficace nel creare atmosfera e accompagnare il giocatore in modo rilassante durante tutto il tempo di gioco.

Conclusione

Alchemy Emporium parte da un’ottima idea, ma purtroppo manca il bersaglio di parecchio e risulta un titolo noioso, piatto e a tratti snervante. La mancanza di immersività del titolo toglie significato all’essere in un mondo fantastico e lo sostituisce con una grossa sensazione di star lavorando in catena di montaggio. Vorrei davvero che questo titolo realizzasse tutto il suo potenziale, a maggior ragione visto che è stato sviluppato in Italia, ma allo stato attuale saranno in pochi i giocatori in grado di apprezzarne il gameplay.

Alchemy Emporium
5.7 / 10 Recensione
Gameplay5
Grafica7
Longevità5
Pro
  • Veste grafica splendida e accattivante
  • Se il gameplay incontra il vostro gusto i contenuti sono numerosi
  • Tante ottime idee
Contro
  • Interfaccia terribilmente scomoda
  • Lento e ripetitivo
  • Totale mancanza di immersività
Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 77 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*