Age of Wonders III – Recensione

Dopo alcuni anni di silenzio torna alla ribalta il gioco di strategia fantasy, con tinte da RPG, di Triumph Studios: Age of Wonders III.

Il gioco è ambientato in un mondo fantasy dove diverse razze, ognuna con il proprio regno e le proprie abilità, si contendono il predominio sui vari territori.

All’avvio del gioco è possibile scegliere se affrontare una delle due lunghe campagne, che servono anche da tutorial: la campagna alla corte degli elfi oppure quella alla guida del Commonwealth degli umani. Sono infatti queste le due razze principali presenti all’interno del gioco.

AgeOfWondersIII-Gamepare

Se non si vuole affrontare una delle due campagne, per le quali è possibile impostare anche un differente livello di difficoltà, è possibile generare delle partite random oppure dedicarsi al multiplayer, per affrontare altri giocatori sparsi per il mondo.

Strategia e tattica

Il gameplay è diviso in due fasi principali: una strategica in cui si muovono le truppe sulla mappa globale, con la possibilità di gestire le città e le risorse a disposizione, e l’altra tattica, in cui si comandano le truppe sul campo di battaglia.

Mentre per la parte tattica è possibile affidare il compito della gestione alla IA (anche se questo può portare talvolta a risultati deleteri), la parte strategica deve essere gestita direttamente dal giocatore.  All’avvio si avranno a disposizione poche truppe, con le quali sarà possibile recuperare le risorse e raggiungere gli obbiettivi che porteranno ad avere la prima città.

AgeOfWondersIII_screen6

 

Per quanto riguarda le città, è possibile ottenerne in diversi modi, tra i quali la conquista, la diplomazia o semplicemente la costruzione.

Ogni città sarà associata ad una razza, ognuna delle quali potrà produrre truppe e infrastrutture differenti. Inoltre le città pro producono una certa quantità di mana e soldi, che vanno a confluire nell’economia globale del regno.

Eroi e battaglie

Esplorando la mappa alla guida del nostro eroe e delle sue truppe, si potranno incontrare nemici generici, solitamente posti a guardia di qualche risorsa, oppure regni avversari, i quali saranno il nostro obbiettivo principale.

Durante le battaglie le truppe vengono schierate sul campo in base alla posizione relativa che avevano sulla mappa strategica (è anche possibile attaccare i nemici da più lati, ovviamente avendo a disposizione più eserciti). I fattori da tenere in considerazione sul campo di battaglia sono davvero molti; le unità vanno mosse singolarmente e ognuna ha le sue caratteristiche specifiche, con diverse abilità a disposizione. Ad esempio ci sono unità versate nel corpo a corpo mentre altre dotate di archi per colpire dalla distanza. Il terreno di scontro, invece, varierà a seconda dell’ambiente in cui avviene la battaglia: ad esempio nel caso si tratti di una città o di una fortezza, ci saranno delle mura a protezione dei difensori. In ogni turno sarà anche possibile utilizzare una magia tra quelle disponibili, per ottenere diversi effetti (attacchi diretti, maggiore velocità di movimento, potenziamenti vari e così via).

I combattimenti di Age of Wonders III offrono davvero tante possibilità gestione, il chè rende il gioco molto piacevole e interessante.

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*